Vita al Microscopio” è un’associazione di promozione sociale senza fini di lucro.

Ha lo scopo di tutelare e valorizzare la natura e l’ambiente nell’interesse della collettività, a tutela del diritto inviolabile della vita e della salute, anche per la generazione futura.

MISSIONE: Si propone di ideare e realizzare progetti che generino una qualità quanto più possibile rispondente ai bisogni della società contemporanea anche con l’aiuto di altre associazioni, organizzazioni, società, enti pubblici e privati operanti nella medesima direzione. Promuove il diritto alla libera informazione, sia come diritto di chi opera nel settore a esprimere liberamente la propria opinione, sia come diritto di ogni cittadino a ricevere una informazione libera da qualsiasi condizionamento economico e/o politico.

PANORAMICA ASSOCIAZIONE: L’associazione, nata nel Febbraio del 2011 da un gruppo di cittadini, è indipendente, apartitica e si sostiene tramite autofinanziamento, quote associative, donazioni. Essa si prefigge la finalità di tutelare e valorizzare la natura e l’ambiente nell’interesse della collettività, a tutela del diritto inviolabile della vita e della salute, anche per le generazioni future.

* * *

COMUNICATO STAMPA
7 gennaio 2013

Dopo anni d’impegno nella lotta alla libera informazione scientifica a sostegno della ricerca sulle nanopatologie, l’associazione VITA AL MICROSCOPIO trova un modo per comunicare anche con le nuove generazioni, sempre più esposte al rischio di patologie connesse all’inquinamento ambientale, e lo fa entrando nella loro casa, la musica, per informarli di ciò che sta accadendo in Italia e nel resto del mondo.

Per la realizzazione del progetto Vita al Microscopio si avvale della collaborazione artistica della band emergente EUROFOBIA, trio composto da King Stewee, Big Fil e 40ine, per la composizione del brano musicale “Una vita al microscopio” (da domani visibile sul canale ufficiale YouTube della band) e della collaborazione di Primafilm Creative District e il filmaker Marco Carlucci per realizzazione del video, premiato con l’International Award “Roma Videoclip 2012” nel dicembre scorso.

Il video, girato interamente all’interno degli Studios di Cinecittà, è liberamente ispirato alle reali vicende dei ricercatori Antonietta Morena Gatti e Stefano Montanari, scopritori delle patologie connesse all’inquinamento provocato dalle polveri sottili e dalle nanoparticelle generate da numerosi processi industriali legati alla produzione di armi e farmaci, che da anni denunciano la nocività delle emissioni degli impianti d’incenerimento dei rifiuti. All’interno del video il regista Marco Carlucci ha voluto inserire delle immagini dei suoi film-denuncia “Il punto rosso” e “Sporchi da morire” che affrontano i temi della corruzione politica e dell’inquinamento prodotto dagli inceneritori.

“Una vita al microscopio” non rappresenta, quindi, solo la realizzazione di un progetto ma il rinnovamento di un impegno sociale a tutela della Vita e della Salute anche per le generazioni future.

“I proventi derivanti dai diritti di edizione sul brano “UNA VITA AL MICROSCOPIO” in uscita dall’8 gennaio 2013 sul canale ufficiale saranno devoluti dagli Eurofobia all’associazione Vita Al Microscopio per la ricerca sulle nanopatologie.” [King Stewe]

(clicca sul video)